Gioco, ti lascio

“Caro amore mio,
sono 10 anni che ci frequentiamo, ma non posso più avere una relazione con te.

Ti ringrazio perché insieme a te ho vissuto giorni di grande passione. Abbiamo condiviso gioie e dolori. Con te mi sento realizzato e importante, solo tu mi capisci e mai potrò dimenticare le emozioni che mi hai donato! Grazie.

Dall’altra parte, però, mi hai tolto la mia dignità, la mia onestà, la mia reputazione, la mia libertà, le mie amicizie e soprattutto l’affetto dei miei familiari e tanti, tanti soldi. Mi avevano avvertito che l’amante costa più della moglie !

A causa tua oggi 21 Agosto 2007, invece di stare al mare con mia moglie ed i miei figli, sono in una comunità a scriverti questa lettera di addio e per TROVARE la FORZA di lasciarti definitivamente”. 

Un bacio (M. Orthos 3)

Aforismi dell'azzardo

  • Gioco d'azzardo. Passatempo il cui piacere consiste in parte nella coscienza dei propri vantaggi, ma soprattutto nello spettacolo delle perdite altrui.

    Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

  • Giocare (dico del gioco grosso, il gioco d'azzardo che può portare la fortuna favolosa o l'irrimediabile precipizio), giocare non è divertente, nel senso leggiadro della parola. Anzi è una cosa, con quella tensione senza respiro, profondamente faticosa.

    Massimo Bontempelli, Il Bianco e il Nero, 1987

  • Alle tre del mattino l'odore di un casinò, il fumo e il sudore danno la nausea. A quell'ora, il logorio interiore tipico del gioco d'azzardo – misto di avidità, paura e tensione nervosa – diventa intollerabile. I sensi si risvegliano e si torcono per il disgusto.
    Ian Fleming, Casinò Royale, 1953

  • Non esiste il "gioco d'azzardo sociale". O sei lì per strappare il cuore a un altro e divorarlo... o sei un fesso. Se questa scelta non ti piace... non giocare.

    Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

  • Gioco d’azzardo. È il contrario del gioco, ed è assurdo che abbia lo stesso nome. Mentre il gioco è fondato sulla possibilità di maneggiare le proprie forze, il gioco d’azzardo è basato sul rifiuto di agire: in un caso c’è l’azione, nell’altro la passione.

    Valerio Magrelli

  • Il giocatore d'azzardo quanto più è bravo nel suo mestiere, tanto più è disonesto.
    Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Psicoterapia per giocatori compulsivi

Il Progetto Orthos è su "Il Sole24Ore" - In evidenza il carattere sperimentale, innovativo e di eccellenza degli interventi a beneficio dei giocatori d'azzardo problematici, patologici, e delle loro famiglie.


Per leggere l'articolo, cliccare qui !